Giochi d’azzardo sempre più popolari negli ultimi anni, grazie ad un sovraffollamento Web che abbraccia la qualunque. Per questo motivo, le piattaforme di gaming stanno cercando nuovi modi per attirare più giocatori. Quando si tratta di acquisire nuova clientela, la domanda principale non è piuttosto il “come” ma il “chi”. Decade in certo senso la direttiva sulla tipologia, ossia puntare sui casinò online, sulle scommesse sportive o sul poker.

Ad esempio, il casinò online è spesso visto come una tipologia di gioco prettamente rivolta ad una clientela maschile. La stessa dipendenza viene spesso associato agli uomini. Tuttavia, pensare in questi termini è obsoleto in quanto anche le donne hanno iniziato a frequentare questi siti, anche se ci sono differenze metodiche rispetto a quelle messe in atto dagli uomini. Infatti, alcuni dati recenti evidenziano che le giocatrici d’azzardo rappresentano il nuovo che avanza nel mercato virtuale dei casinò online. Ma quali sono le differenze tra gli uomini e le donne quando si tratta di gioco d’azzardo? Vediamole.

In termini percentuali, attualmente a giocare online sono il 72% degli uomini e il 28% delle donne. Mediamente, gli uomini perdono circa 4.799 euro all’anno, mentre le donne 2.900. Davanti al PC, per giocare d’azzardo, gli uomini trascorrono 14 mesi della loro vita e le donne 21. L’età media dei giocatori? 33 anni per gli uomini e 29 per le donne.

Passando alle tipologie di gioco, sono tante quelle offerte dalle piattaforme di casinò online. Basta andare a questo sito per rendersene conto. Andando a fondo proprio su questa questione, alcune ricerche recenti hanno evidenziato che alla roulette gioca quasi il 27% degli uomini, mentre le donne rappresentano il 19%. Altro gioco molto popolare, il blackjack, è amato dal 23% degli uomini e dal solo 18% delle donne. La tendenza si inverte in quello delle slot, molto popolare. A giocarci è il 34% delle donne e il 26,5 degli uomini. Torna avanti il sesso maschile nel poker, con il 30% contro il 20% di quello femminile.

E’ invece impressionante la percentuale delle giocatrici sulle scommesse sportive, quasi raddoppiata negli ultimi due anni: il 58,5% delle giocatrici ama scommettere su vari eventi sportivi. In aumento il numero degli uomini che giocano online al bingo, diventato ultimamente molto popolare tra gli amanti del gioco d’azzardo: 42,2%, una percentuale davvero considerevole.

In realtà, non è solo il genere che influenza le statistiche. Dobbiamo anche considerare l’età come un fattore importante nel determinare quali giochi sono i preferiti. Il poker online è molto amato dai giovani tra i 25 ed i 34, mentre le scommesse sportive attirano giocatori con più di 55 anni, che coprono il 70% di quelli assidui.

Secondo una ricerca condotta dall’industria dei casinò online sulle motivazioni che spingono uomini e donne a giocare d’azzardo, il 56,6% dei giocatori di sesso maschile e il 54,9% di quello femminile hanno dichiarato di giocare per guadagnare denaro, il 54,4% degli uomini e il 51,8% delle donne per vincere, il 22,5% degli uomini e il 19,4% delle donne per noia e il 5% degli uomini e il 1,4% delle donne per il brivido del gioco.

Tuttavia, le motivazioni possono anche essere influenzate da una serie di altri motivi. Ad esempio, la disponibilità economica e persino la posizione geografica possono influenzarle. Andando a guardare i fattori di rischio insiti nel gioco d’azzardo, vincere è l’unico obiettivo che accomuna entrambi i sessi. Ma una parte importante dell’abilità al gioco è la reazione quando vengono fuori i numeri reali.

Sempre la ricerca di cui sopra, ha chiesto a 1000 partecipanti al sondaggio come reagirebbero di fronte ad una vincita di 500 euro. Anche se complessivamente più dei due terzi incasserebbe immediatamente la vincita, le donne si sono dimostrate molto più prudenti degli uomini. Infatti, il 72,3% ha dichiarato di incassarla senza remore in confronto al 61% degli uomini, mentre solo il 9% delle donne è disposto a rinvestire quel denaro per cercare di vincere ancora di più. E gli uomini? Il 13% non ci penserebbe due volte a riutilizzare quella vincita per tentare nuovamente la fortuna. Per quanto riguarda l’età, i giovani si sono dimostrati più propensi al rischio: il 15% e di età compresa tra i 25 ed i 34 anni. Gli over 55 si sono dimostrati invece più cauti.

Alla domanda sui luoghi più insoliti in cui hanno giocato, sono emersi i risultati più interessanti del sondaggio. Il 23% delle donne e il 27,2% degli uomini hanno giocato in bagno, il 10% di entrambi i sessi ha giocato in ospedale e l’8% in macchina mentre guidava. Entrambi i sessi hanno ammesso di aver usato l’account di un amico o coniuge per giocare d’azzardo online.

Insomma, quanto esposto sopra fa capire una cosa: il domino maschile nel gioco d’azzardo online è finito. Quando le generazioni future guarderanno ad oggi, vedranno una diffusione molto più uniforme dei sessi coinvolti nello sport e nelle scommesse.