Istat: Pil 2016 a +0.9%. Il debito scende al 132%

Il Prodotto interno lordo, nel 2016, è cresciuto dello 0.9%, con un risultato che appare invariato rispetto alla stima preliminare diffusa nel marzo scorso. A rivelarlo è l’Istat, che conferma così un dato già noto.

Nel suo nuovo bollettino “I Conti economici nazionali 2016”, l’istituto ha rivisto al rialzo i dati del 2015: il Pil è salito dell’1%, ma il dato davvero interessante riguarda il rapporto debito/Pil che nel corso del 2016 è sceso al 132%, con un miglioramento di 0.6 punti percentuali rispetto alla stima precedente che parlava infatti di un 132.6%. Merito del fatto che il debito pubblico è in calo? Non proprio: il dato positivo è dovuto all’aumento del Pil che, per ragioni puramente aritmetiche, fa scendere il rapporto.

Altre buone notizie arrivano dalla pressione fiscale. I dati dell’Istat ci dicono infatti che la pressione fiscale, l’anno scorso, è stata del 42.7%, con un miglioramento di due decimi rispetto alla stima precedente (42.9%).

I dati diramati dall’Istat non sorprendono il Ministero dell’Economia e delle Finanze, che era già a conoscenza di suddetti numeri perché il Mef stesso aveva chiesto all’istituto di statistica di poter conoscere i anticipo i dati economico-finanziari affinché si potesse procedere con la redazione della nota di aggiornamento al Def, la cui presentazione avverrà il 27 di questo mese.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base