Luca Cordero di Montezemolo e Flavio Cattaneo sono rispettivamente il nuovo presidente e il nuovo amministratore delegato di Ntv. Il primo è socio fondatore della società, mentre il nome di Cattaneo arriva quasi inaspettatamente (quest’ultimo investirà infatti 15 milioni di euro nell’azienda che gestisce il treno ad alta velocità Italo così da salire al 5.1% del capitale).

Cattaneo si reinventa come il numero uno di Italo, dopo un’esperienza a dir poco turbolenta vissuta alla guida di Telecom Italia (la cui buonuscita da 25 milioni di euro fece discutere parecchio).

Il consiglio di amministrazione di Ntv, inoltre, ha preso atto “con dispiacere e riconoscenza” della volontà di Andrea Faragalli Zenobi di rassegnare le sue dimissioni dal ruolo di presidente esecutivo; dimissioni che arrivano a seguito di ragioni “esclusivamente personali” e che non inficeranno sul ruolo di consigliere che l’ormai ex presidente terrà fino a fine mandato.

Per Ntv, quindi, è giunta l’ora di cambiare pagina. Cattaneo avrà tutti i poteri di amministrazione e, insieme a Montezemolo, avrà il compito di potenziare la realtà industriale dell’azienda e di puntare ulteriormente sulla valorizzazione degli asset interni. Si parla anche di una possibile quotazione in Borsa, che a scanso di equivoci e di ripensamenti dovrebbe avvenire già nel 2018.

“Quelli vissuti in Ntv sono stati anni ricchi di soddisfazioni. Sono fiero di come ha lavorato il cda e il management”, ha dichiarato il dimissionario Faragalli Zenobi. “Oggi – ha aggiunto – quella che lascio è un’impresa di successo che guarda con fiducia a obiettivi nuovi e importanti”.