Mps potrebbe tornare agli scambi tra i 4,4 e i 6,9 euro, a determinare l’andamento del titolo saranno le prospettive reddituali e la pulizia di bilancio

Ottobre all’insegna dei ritorni a Piazza Affari, con Pirelli che dovrebbe lanciare la propria Ipo a due anni dal delisting e Mps attesa al rientro dopo una sosta forzata che dura ormai dal 23 dicembre scorso. Ma se nel caso del produttore di pneumatici è già nota la forchetta indicativa di prezzo (tra 6,3 euro, minimo non vincolante, e 8,3 euro, massimo vincolante), corrispondente a un controvalore dell’ipo tra i 6,3 e gli 8,3 miliardi di euro, nel caso della banca senese il prezzo a cui i titoli torneranno a trattare non è ancora stato ufficialmente indicato.

In realtà anche per Siena è possibile già ora stimare una “forchetta indicativa”, ossia un valore massimo e minimo da cui, indicativamente, il titolo dovrebbe ripartire una volta riammesso agli scambi. Non saranno certamente i 15,08 euro a cui aveva chiuso l’ultima seduta: all’epoca Mps capitalizzava 442,14 milioni di euro a fronte di un capitale sociale di 7,365 miliardi suddiviso in poco più di 29,32 milioni di azioni. A marzo il Cda aveva poi approvato il risultato dell’esercizio 2016, chiuso con 3,24 miliardi di perdite nette, vedendo il patrimonio netto calare dai 9,596 miliardi di fine 2015 a 6,245 miliardi.

Dopo la ricapitalizzazione precauzionale, che ha visto il Tesoro (già azionista di Mps al 4%) versare 3,854 miliardi di euro e sottoscrivere quasi 593,87 milioni di azioni, pari al 53,45% del capitale, a 6,4829 euro l’uno, dopo che circa 40 mila possessori di bond AT1 e AT2 avevano convertito (forzatamente) bond per quasi 4,473 miliardi con l’emissione di 517,1 milioni di nuove azioni, al prezzo di 8,65 euro l’una (da ricordare che lo stato contribuirà al ristoro degli obbligazionisti subordinati retail riacquistando fino a 1,5 miliardi di azioni da Mps e salendo in teoria fino al 70% circa del capitale, dopo che la banca avrà effettuato un concambio parziale tra azioni e nuovi bond), il capitale della banca è salito a 15,692 miliardi di euro, rappresentati da poco più di 1,14 miliardi di azioni, mentre il patrimonio netto è risalito sugli 11,3 miliardi.

Per sapere il prezzo a cui Mps ri-debutterà in borsa occorre dunque stimare quale potrà essere la capitalizzazione di mercato della banca e suddividerla per il numero totale di azioni che rappresentano l’attuale capitale sociale. La capitalizzazione di mercato potrà essere pari al capitale sociale o al patrimonio netto? Tipicamente no, dato che i valori di mercato riflettono le attese in merito alla redditività della società (Mps in questo caso) quotata, ossia alla sua capacità di generare utili o perdite. Non a caso le maggiori banche quotate trattano a multipli di prezzo/ patrimonio netto (P/BV) tra le 0,3-0,4 volte della maggiori popolari come Banco Bpm, Ubi Banca e Bper Banca, e le 0,6-0,9 volte di gruppi come Unicredit e Intesa Sanpaolo.

Se dunque per Mps varranno i multipli che attualmente il mercato applica ai suoi principali concorrenti, le azioni potrebbero tornare a trattare tra i 3 euro e gli 8,9 euro l’una, ovvero attorno ai 6,9 euro se si applicasse il multiplo medio di settore (0,7 volte il patrimonio netto contabile). Del resto, siccome in futuro e nel prossimo futuro Mps dovrà cedere un totale di 28,6 miliardi di euro di crediti in sofferenza e tale operazione genererà ulteriori perdite, non sarebbe ragionevole che chi acquisterà le azioni sul mercato non tenga conto del loro impatto sul patrimonio netto contabile.

Al riguardo al momento si sa che 26,1 milioni verranno ceduti ad un veicolo partecipato dal fondo Atlante 2 che potrà sfruttare le garanzie statali Gacs, sulla base di una valutazione pari al 20,5% del valore contabile lordo. Considerato che la copertura media dei crediti deteriorati per Mps è di poco superiore al 56% già questo potrebbe far emergere una perdita di circa 6 miliardi, cui potrebbero sommarsi ulteriori perdite legate alla cessione dei restanti 2 miliardi di crediti deteriorati. Se le perdite si scaricassero oggi, brutalmente, sul patrimonio netto lo ridurrebbero a poco più di 5 miliardi e la capitalizzazione di borsa potrebbe orientarsi, a breve termine, verso tale valore: significherebbe un prezzo di circa 4,4 euro per azione.

Riassumendo, Mps dovrebbe tornare in borsa tra circa 3 settimane, ad un prezzo che dovrebbe risultare tra i 3 e gli 8,9 euro (ma più probabilmente tra i 4,4 e i 6,9 euro) per azione, con le quotazioni che da quel momento in poi rifletteranno la capacità del management di migliorare le prospettive reddituali dell’istituto, anche mediante una ulteriore fase di ristrutturazione e ridefinizione del modello di business della banca, portando contemporaneamente a termine la pulizia di bilancio nel modo meno doloroso possibile che il mercato consentirà. In attesa, ovviamente, che il Tesoro, che ha interesse a che il prezzo si riavvicini quanto meno ai 6,49 euro per non dover chiudere l’operazione di salvataggio in perdita, proceda a ricollocare i propri titoli in borsa o presso investitori qualificati.

Alla fine converrà o no investirci? Come detto dipenderà dalla capacità di far risalire una redditività che al momento rimane modesta, anche se in ripresa, per tutto il comparto bancario italiano. Potendo peraltro contare su un manager apprezzato dalla Bce e dal mercato come Marco Morelli e su una ritrovata solidità patrimoniale. Le premesse, insomma, sembrano esserci tutte.