Prestito Findomestic

Prestito personale Findomestic

Uno degli istituti di credito italiani maggiormente conosciuti per l’erogazione del prestito personale è Findomestic. Nato nel 1984 si è specializzato sin da subito nel credito a consumo, cioè nell’offrire prestiti alle famiglie per acquistare servizi e beni.

In questo periodo di forte instabilità economica ottenere un prestito personale non è semplice. Gli istituti di credito chiedono sempre più garanzie. Findomestic tutto sommato mantiene ancora dei limiti accettabili. I principali requisiti sono infatti quelli di avere la maggiore età ma di non avere ancora compiuto settantacinque anni. Vuole un reddito dimostrabile, che il richiedente sia residente nel territorio italiano e che possieda un conto corrente.

Un vantaggio è proprio quello di non dover aprire un nuovo conto corrente. Ugugalmente il rimborso delle rate avverrà con addebito diretto sul conto. L’istituto eroga il denaro su quello che si ha di già. Sono prestiti tutto sommato elastici, perché permettono come vedremo tra poco, di effettuare il cambio e salto rata. L’importo minimo che si può richiedere è di 1.000 euro, quello massimo di 60.000 euro.

 

  • Come si fa a richiedere un prestito personale Findomestic?

 

Potete recarvi direttamente a uno sportello Findomestic oppure, richiederlo online. Quest’ultima opzione è preferita da quelle persone che hanno un po’ di dimestichezza con internet perché permette di risparmiare molto tempo. Tutto comodamente da casa, dalla simulazione alla firma del contratto. Grazie all’apposito simulatore finanziario possiamo scegliere l’importo del finanziamento. Ciò significa poter fare diverse prove fino a quando non si trova quella che ci soddisfa di più. Quando l’abbiamo trovata, si passa a compilare la form con i dati e firmare online in contratto grazie alla Firma Digitale. Dopo, si deve solo inviare i documenti che servono al fine della richiesta.

Findomestic in queste richieste online chiede a tutti coloro che non sono suoi clienti di fare verso di loro un bonifico da 1€, il quale poi viene restituito. Tutto questo solo per rispettare la Normativa Antiriciclaggio.

Come faccio a conoscere le spese accessorie?

Ogni volta che utilizziamo il simulatore riceviamo informazioni importanti. La prima è l’importo e il numero di rate che dovremo pagare per rimborsare il denaro ricevuto. Ci viene poi detto qual è il tasso d’interesse applicato, sia il TAN che il TAEG. Infine quali sono le condizioni e i termini del finanziamento. Possiamo effettuare tutte le simulazioni che desideriamo prima di passare alla richiesta online vera e propria. Dopo Findomestic Banca si occupa di valutare la richiesta e ci avviserà se è stata approvata o meno la richiesta di finanziamento.

Posso davvero cambiare il valore delle rate?

Si. Findomestic viene incontro alle nostre esigenze e ci permette di cambiare l’importo della rata qualora fosse troppo alto. In realtà possiamo anche alzarla se magari desideriamo estinguere in anticipo il debito e pensiamo di potercela fare.

Possiamo utilizzare il cambio rata una volta al mese fino a quando non è concluso il prestito. Ci sono però dei requisiti da rispettare. Dobbiamo aver già rimborsato almeno sei rate. Dobbiamo aver scelto come metodo di rimborso mensile l’addebito diretto bancario e non dobbiamo aver usato anche l’opzione Salto Rata.

hellobank

Qual è il numero massimo di rate per il rimborso?

Possiamo scegliere di rimborsare il prestito, minimo 1.000 euro massimo 60.000 euro, con un numero variabile di rate che va da 6 a 120. Questo numero varia in base al valore del prestito, e per quale bene si richiede. Influiscono molto anche le possibilità economiche di ogni persona. La rata del prestito non può superare 1/5 delle entrate mensili del richiedente. Ciò significa che, più guadagna, più alta può essere la rata di rimborso e di conseguenza più corta la durata del rimborso per l’intero prestito.

Come usare il simulatore online?

Basta inserire per quale tipo di progetto si richiede il prestito, come ad esempio l’acquisto di una casa, spese di ristrutturazione, viaggio etc, e quale cifra occorre. Dopo si ottengono le preziose informazioni: valore di ogni rata e tempo di rimborso, tassi d’interesse e termini e condizioni. Quando abbiamo fatto le simulazioni che desideriamo possiamo passare alla richiesta vera e propria.

Di quali documenti c’è bisogno?

Prima di tutto abbiamo bisogno di dimostrare la nostra residenza sul territorio italiano. Un cittadino italiano può presentare: carta d’identità, patente o passaporto. Un cittadino extracomunitario può presentare: documento di soggiorno in regola. Un cittadino dell’UE: oltre alla carta d’identità va bene un certificato di residenza o l’attestazione di regolarità di soggiorno.

Per ottenere un prestito personale Findomestic dobbiamo anche presentare un documento che dimostri il nostro reddito. Un dipendente deve portare le ultime buste paga. Un libero professionista il modello Unico con ricevuta di presentazione e modello F24 con la ricevuta di pagamento. Un pensionato invece può usare gli ultimi due cedolini accompagnati dal modello Obis eo CU.

Dobbiamo ricordare di portare anche il codice fiscale o la nuova tessera sanitaria e, qualora il nostro indirizzo di residenza sia diverso da quello segnato sul documento d’identità, allora dobbiamo allegare alla richiesta un documento che indichi la vera residenza. Va bene ad esempio il contratto d’affitto, una bolletta, il libretto di circolazione etc.

Molto spesso Findomestic accetta di dare un prestito personale solo se ci sono garanzie ulteriori al semplice posto di lavoro, il quale oggi come oggi purtroppo, è piuttosto volubile. Può richiedere ad esempio di un garante che si accolli le spese delle rate qualora il richiedente non possa pagarle. Oppure, molto comune, una polizza assicura che offra una copertura in credito. Queste coperture servono soprattutto a coprire le spese qualora il richiedente rimanga ad esempio senza lavoro (viene richiesta per i dipendenti delle aziende private), qualora possieda una inabilità temporanea totale oppure in caso d’invalidità permanente o decesso.

Le spese che riguardano la copertura assicurativa sono a nostro carico e non calcolate nella rata. Chiaramente in base al tipo d’impedimento che ostacola il saldo delle rate, cambia anche la cifra coperta dalla compagnia assicurativa.

Per qualsiasi dubbio o domanda potete contattare Findomestic al numero verde, via e-mail o semplicemente usando la live chat del loro sito web!