Tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC): è boom in Bosnia

133
bosnia erzegovina

Il settore delle TIC (Tecnologie dell’informazione e della comunicazione), con oltre 420 aziende, è stato uno dei settori in via di sviluppo più veloci nella Bosnia-Erzegovina negli ultimi anni. Secondo l’Agenzia per la promozione degli investimenti esteri (FIPA), la quota del PIL del paese ammonta a 80 milioni di euro. Nel 2016, il numero di persone occupate dalle società ICT è aumentato del 97% rispetto al 2010 e il profitto netto delle imprese ICT è raddoppiato.

Durante un seminario sugli investimenti organizzato a Londra, alcuni dei suoi partecipanti hanno sollevato delle obiezioni sul fare affari in Bosnia-Erzegovina dove la burocrazia funziona male, c’è molta corruzione e quindi si ha un’immagine poco positiva del Paese come destinazione d’investimento.

“Direi che questo potrebbe costituire un ostacolo nei settori più tradizionali dell’industria, ma non riesco a considerarlo un problema in termini di TIC. Molti pacchetti di lavoro sono generalmente consegnati a piccole e medie imprese e con l’applicazione di tecnologie e team virtuali è possibile evitare qualsiasi ostacolo nel suo percorso”, afferma Alimajstorovic.

FIPA conta anche sugli investimenti in altri settori: come quelli della produzione, dell’energia, della trasformazione del legno e del turismo, per citarne alcuni. Una volta che un investitore visita la Bosnia-Erzegovina diventa più incline a fare affari perché si rende conto che ci sono effettivamente delle buone potenzialità. L’Ue ha accettato la domanda di adesione della Bosnia-Erzegovina nel settembre 2016.

L’agenda sulle riforme attuata dal Consiglio dei ministri e dai governi della Federazione della Bosnia-Erzegovina e della Repubblica Srpska è strettamente allineata con il nuovo approccio dell’Unione europea alla governance economica nei Balcani occidentali e il programma di riforma economica. “Stiamo cercando di migliorare l’ambiente per i nuovi investitori perché abbiamo veramente bisogno di loro”, dice l’ambasciatore della BiH a Londra Branko T. Nesković e aggiunge che il paese spera di diventare uno Stato membro dell’UE nel 2022-2023.

I migliori conti correnti online:

Conto corrente online CheBanca!

Conto corrente online WiDiBa

Conto corrente online HelloBank!

Conto corrente online Cariparma

Conto corrente online Fineco

Conto corrente online UniCredit