Quotazione di Ripple in caduta libera: tutta “colpa” di Coinbase

ripple
Hello Next 300x250

Dopo un periodo tutto sommato roseo il Ripple torna a perdere posizioni, affossato dalle inattese dichiarazioni provenienti dai manager di Coinbase. Nella giornata di ieri quella che è stata soprannominata “la criptovaluta delle banche” è cresciuta sempre più fino a sfondare la tanto agognata soglia di 1,08$.

La corsa al rialzo che c’è stata nelle ore precedenti è venuta fuori per varie ragioni, ma principalmente perché a un certo punto è sembrato che Coinbase, che è una delle piattaforme di scambio più autorevoli e popolari al mondo, stesse per aprire le sue porte proprio al Ripple.

Image Banner 300 x 250

Ad influenzare positivamente la dinamica del prezzo, poi, ci si è messa la nuova partnership siglata con Fleetcoor Technologies, società quotata a Wall Street che opera come provider di transazioni su scala globale e che si è appunto dimostrata favorevole all’idea di usare la tecnologia xRapid che appartiene alla società di Ripple. Peccato però che questo frangente idilliaco non sia durato molto, tant’è che oggi la quotazione di Ripple sta virando al ribasso in maniera anche piuttosto evidente.

La “colpa” è proprio di Coinbase, che ha smentito le indiscrezioni relative a un listing della criptovaluta, deludendo di fatto tutti coloro i quali speravano in un’entrata a gamba tesa del Ripple nella piattaforma di scambio. E’ stato sufficiente un tweet dell’e-wallet per far crollare tutto: “Non abbiamo preso alcuna decisione in merito all’introduzione nella piattaforma di altri asset. Ogni comunicato che affermi il contrario è falso e non autorizzato dalla società”.

E la cosa se vogliamo più subdola è che questa non è la prima volta in cui il cambio USD/XRP viene pesantemente influenzato da indiscrezioni che riguardano Coinbase. Resta comunque il fatto che stavolta il listing sembrava più certo rispetto alle altre volte, se non altro per via della partecipazione congiunta del CEO di Coinbase e del CEO di Ripple in un episodio di “Fast Money”, programma che fa capo alla Cnbc e che come dice il nome stesso tratta appunto di economia e moneta.