Prezzo dell’oro in rialzo: pesa il caso Usa-Corea del Nord, ma non solo…

oro
Hello Next 300x250

Dal momento in cui Donald Trump ha fatto un passo indietro rispetto allo storico meeting che si sarebbe dovuto tenere con la Corea del Nord, il prezzo dell’oro ha preso valore e guadagnato più di 12 dollari. Nell’ultimo periodo il botta e risposta tra i due leader ha dato dimostrazione del fatto che la pace che si stava provando a costruire tra Usa e Corea del Nord sarebbe sfumata, e infatti tra i due Paesi è tornato a spirare un vento di tensione.

In tutto ciò, l’oro, che fino a prova contraria è ancora il bene di rifugio per eccellenza, ha spiccato il volo portandosi oltre quota $1.305: si tratta di una delle sue migliori performance su base mensile. Ma precisamente cosa ha consentito al metallo prezioso di alzare la testa in questo modo? Oltre alla scelta di Trump di annullare l’incontro con Kim Jong Un, ad influire in questo contesto c’è stata anche la reazione della Russia. Le dichiarazioni fatte da Vladimir Putin, dopotutto, non potevano certo passare inosservate.

Image Banner 300 x 250

Il leader russo ha dichiarato infatti: “Kim Jong Un ha fatto ciò che aveva promesso, ha anche distrutto i siti nucleari, ma nonostante ciò gli Stati Uniti hanno comunque cancellato l’incontro. Dalla Russia guardiamo a questa situazione con grande rammarico perché credevamo che questo storico passo verso la tregua sarebbe stato alle porte. Ci auguriamo che il dialogo possa riprendere, perché senza dialogo non vi sarà alcun progresso nella risoluzione di questa problematica straordinariamente importante”.

Inoltre, il rialzo del prezzo dell’oro è dovuto anche alle preoccupazioni che gli investitori hanno relativamente a una possibile guerra commerciale globale. Poche ore fa Donald Trump ha dato il via a delle indagini che hanno l’obiettivo ultimo di introdurre dazi e tariffe nel settore auto esattamente come accaduto con acciaio e alluminio. Tutto ciò non piace né alla Cina, né ai principali paesi produttori di auto, e tanto meno agli investitori, che rispetto a questi timori hanno pensato bene di far correre i propri risparmi verso l’oro.