Prestiti: a gennaio meno richieste, ma con importi più alti

49
registro dei protesti

Nel mese di gennaio 2017, il Sistema di Informazioni Creditizie del CRIF ha rilevato richieste di nuovi prestiti in flessione del 2.2%. Si tratta del primo dato negativo dopo 12 mesi consecutivi di rialzo. A gennaio il numero di richieste di prestiti finalizzati aventi come obiettivo l’acquisto di beni e servizi ha fatto segnare una contrazione del 3.3% rispetto allo stesso periodo del 2016; mentre i prestiti personali hanno registrato una discesa dello 0.5%.

Per quanto riguarda gli importi, nel primo mese dell’anno, la somma media richiesta per i prestiti ha fatto segnare il valore più alto degli ultimo 8 mesi attestandosi a 8.729 euro (+4.5% rispetto al valore rilevato a gennaio 2015, quando l’ammontare medio richiesto era pari a 8.355 euro). Bisogna andare indietro fino al 2010 per trovare un valore maggiore rispetto a quello appena registrato, visto e considerato che a gennaio 2010 il prestito medio richiesto era di ben 9.287 euro.

Infine, dando un’occhiata alla distribuzione delle interrogazioni in relazione all’età dei soggetti richiedenti, risulta che a gennaio 2017 è stata la fascia compresa tra i 45 e i 54 anni quella che è accorsa per la maggiore nelle agenzie di credito per richiedere nuovi prestiti. Gli over 45 hanno rappresentato infatti il 25.4% dei richiedenti, seguiti a breve distanza dalla fascia di età compresa tra i 35 e i 44 anni, con il 24.1%.

I migliori conti correnti online:

Conto corrente online CheBanca!

Conto corrente online WiDiBa

Conto corrente online HelloBank!

Conto corrente online Cariparma

Conto corrente online Fineco

Conto corrente online UniCredit