Mutui, sulla documentazione c’è il caos: il rapporto Assovib

cartolarizzazione mutuo
Hello Next 300x250

Secondo un’analisi di Assovib metà delle pratiche si blocca ancora prima di iniziare per mancanza di documenti. In alcuni casi sono le difformità edilizie o catastali a bloccare la trattativa. Si parla di circa 300 mila operazioni, un bel po’.

Il 65% delle perizie controllate riguardano nuovi mutui mentre il restante 35% tratta rivalutazioni periodiche per immobili collegati a crediti in bonis, sofferenze o Npl. E’ un compito abbastanza complicato per le banche in quanto si tratta di recuperare documentazione spesso datata e frammentata.

Image Banner 300 x 250

Nell’invio dei documenti da parte della banca, la società nel 44% dei casi si trova davanti un incartamento incompleto a causa della mancanza di visura e planimetria catastale aggiornate. Documenti abbastanza semplici ma per qualche motivo non completi.

Come spesso succede i cambi di destinazioni d’uso dei vani non vengono aggiornati o autorizzati al catasto cosi come gli aumenti di volumetrie o nuove costruzioni di fabbricato abusive.

Le cause che portano a tali negligenze sono da ricercare, non solo nelle banche, ma anche fra i proprietari; la loro noncuranza è una colpa che a volte è anche intenzionale. Migliaia i casi in cui i privati non hanno l’atto di proprietà oppure hanno effettuati i lavori comunicandoli al comune ma non al catasto. Anche le banche, come già detto, hanno la loro percentuale di colpa: sottovalutando l’importanza di un documento, non viene richiesto al proprietario e quindi la pratica si allunga.

Abi, Assovib e altre associazioni hanno messo a punto le “Linee guida Abi per la valutazione degli immobili in garanzia delle esposizioni creditizie” ma nonostante ciò queste errori non sono stati ancora adeguatamente debellati.