Microsoft potrebbe comprare Netflix

21
netflix

Microsoft sembra avere intenzione di comprare Netflix, così da entrare una volta per tutte nel mercato dello streaming video che da un po’ di tempo a questa parte procede a vele spiegate. Secondo quanto anticipato da Porter Bibb, senior analyst operante nel settore media da più di 40 anni, il colosso di Redmond avrebbe intenzione di portare a termine questa acquisizione, che stanti presupposti e risvolti si rivelerebbe colossale.

Secondo l’esperto, Microsoft si sta dando un gran bel da fare nel business del cloud, anch’esso in crescita, ma data la sua più totale assenza sul fronte dello streaming content, avrebbe appunto intenzione di recuperare terreno mettendo le mani su Netflix. “Credo che Netflix finirà per essere acquisita da Microsoft – ha detto Bibb -, anche perché il colosso tecnologico attualmente non ha alcun tipo di contenuto da offrire su questo fronte”.

Netflix vale la bellezza di 142 miliardi di dollari e può contare su delle azioni a dir poco succulente: le sue azioni sono salite di oltre 100 punti percentuali nell’ultimo anno, segno inequivocabile di come la popolarità del marchio stia continuando ad aumentare senza sosta.

Tuttavia la stessa società ha presentato un’ultima trimestrale nella quale si prospetta un incremento della spesa per i contenuti da 7,5 miliardi di dollari a 8 miliardi, e Microsoft, che di liquidità ne ha parecchia, potrebbe dare una grossa mano in questo senso. L’acquisizione di Microsoft permetterebbe in sostanza a Netflix di poter pagare senza problemi gli studi televisivi e cinematografici di Hollywood, e produrre così i suoi contenuti con la massima spensieratezza.

Non si sa ancora come finirà questa storia, ma certo è che dopo le indiscrezioni di Bibb, risparmiatori, investitori ed esperti vari monitoreranno molto attentamente gli sviluppi. La previsione di Bibb peraltro arriva a margine di un’altra importante fusione che riguarda sempre il mondo dei media, vale a dire quella di Walt Disney, prossima ad inglobare la maggior parte delle risorse della Twenty-First Century Fox.