Bonus assunzioni: sgravio per gli under 35 prorogato al 2020

lavoro

Con il Decreto Dignità sono previste 62.400 assunzioni a tempo indeterminato nell’arco di due anni, ma solo ed esclusivamente tra gli under 35. Questa la previsione formulata dal ministro per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta Riccardo Fraccaro,

In realtà il bonus per l’assunzione di giovani a tempo indeterminato esiste già da un po’: è stato originariamente introdotto dal governo Renzi e poi reso misura strutturale dal governo Gentiloni, che nella sua ultima legge di Bilancio ha infatti previsto il dimezzamento dei contributi previdenziali a carico delle aziende che assumono under 35.

Il tutto, con dei limiti: innanzitutto il taglio dei contributi ha un tetto massimo di 2.655 euro; inoltre lo sconto diventa più importante è valido su lavoratori fino a 35 anni di età per quest’anno, mentre per il 2019 e il 2020 il bonus si applica solo agli under 29. Ed è qui che è intervenuto il Decreto Dignità, riportando il beneficio per il prossimo biennio anche sugli under 35.

“Dopo aver reso più precario il mercato del lavoro al punto da arrivare a un record di contratti a termine, ora i partiti d’opposizione giudicano il Decreto Dignità. Al contrario loro – ha rincarato Nunzia Catalfo, senatrice in quota Movimento 5 Stelle e presidente della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati – il nostro obiettivo è fornire più diritti e tutele alle persone così che siano libere di programmare il proprio futuro, mettere su famiglia e comprarsi una casa”.

Per questo motivo il provvedimento a cui ha lavorato il ministro Di Maio prevede la proroga al 2019 e al 2020 dello sgravio contributivo per gli under 35. “Questa misura – ha detto Catalfo – porterà a più di 62mila assunzioni a tempo indeterminato nel giro di due anni”.