Azioni Saipem in caduta dopo i rimproveri della Consob

saipem

Le azioni Saipem hanno inaugurato la giornata sull’onda del segno meno. Al centro di tutto v’è il bilancio 2016 su cui l’autorità di vigilanza ha alzato l’attenzione rilevando criticità ed elementi non conformi alle norme. Immediata la reazione dei mercati, che nella prima sessione successiva alle osservazioni della Consob hanno proceduto con una vendita di massa: la società quotata a Piazza Affari ha bruciato più di 2 punti percentuali.

La Consob ha fatto sapere a Saipem di aver constatato dei vuoti nel suo bilancio consolidato e nel suo bilancio di esercizio 2016. O meglio, le carte presentate dalla società energetica non risponderebbero ai requisiti imposti dalla normativa vigente che sulla redazione dei bilanci è molto rigida.

Image Banner 300 x 250

Ma Saipem non se l’è fatta passare, tanto che poche ore dopo le dichiarazioni dell’autorità di vigilanza ha risposto che pubblicherà, in tempi ragionevolmente brevi, un nuovo documento volto a fare chiarezza su quanto contestato dalla Consob. Il documento in questione quindi terrà conto delle note espresse dall’autorità e permetterà all’azienda di “appianare i conti in sospeso”.

Ciò detto, Saipem non condivide quanto deliberato dalla Commissione, ma non per questo farà opposizione. “Provvederemo a pubblicare in tempi brevi, e comunque entro 3 settimane dalla data odierna, a borsa chiusa, una situazione economico-patrimoniale pro forma consolidata al 31 dicembre 2016”. Il documento, si specifica, “terrà conto dei rilievi che sono stati formulati dall’Autorità e in precedenza illustrati”.

Naturalmente la situazione sta continuando a pesare sulle spalle dell’azienda, che per quanto stia provando a riconciliarsi con la Consob vede comunque le proprie azioni in caduta. Al momento il ribasso si attesta attorno all’1,86%, con delle azioni che vengono scambiate a 3,22 euro. Fino a 5 giorni fa le azioni Saipem valevano 3,50 euro, un mese fa 3,66 euro e un anno fa esatto 4,20 euro. A riprova insomma di come il declino, per quanto lento, sia comunque in atto.