Quando il destino decide di giocare anche lui. Una scommessa fatta nella stessa famiglia: gli stessi numeri, e la grande festa.

A raccontarla, più che una storia sembra una favola. Il destino che decide di entrare nella casa di una famiglia siciliana e di regalare un sogno, anzi un doppio sogno. La magia di quella sera è stata un’emozione incredibile. Due case vinte sono un sogno difficile anche da immaginare». Lo ha detto il figlio dopo avere scoperto cosa era successo.

Eh sì, non capita certo tutti i giorni di vincere un milione di euro nella stessa casa e con due schedine diverse. Padre e figlio hanno giocato gli stessi numeri al VinciCasa, uno a qualche ora di differenza dall’altro, ed entrambi hanno vinto una casa e 200mila euro da spendere a proprio piacimento. C’è un intero Paese che festeggia.

LEGGI ANCHE >>> Gratta e Vinci, i 2 euro si trasformano in 100mila: sono per i gatti

LEGGI ANCHE >>> Il numero 12 gli regala due milioni al Gratta e Vinci: no, non è possibile

Padre e figlio giocano gli stessi numeri, uno all’insaputa dell’altro: non una storia ma una favola, un milione vinto

Modica è un Paese in provincia di Ragusa. E’ lì che la Dea bendata ha deciso di fare un regalo extra ad una famiglia siciliana. La schedina vincente è stata giocata nel punto vendita Sisal Tabacchi di Tommasi, in via Sacro Cuore. In due momenti diversi.

La combinazione magica: 3, 8, 12, 28, 40, padre e figlio scoprono di avere vinto due case e 400mila euro. A raccontare la favola è stato il figlio che si fa chiamare Diabolik per non farsi scoprire: è un operaio di circa 40 anni e condivide l’abitudine del gioco con il padre anziano. “Insieme al caffè preso prima di andare al lavoro, ha giocato anche al VinciCasa – ha raccontato l’uomo.

Ma non sapeva che lo stesso giorno e allo stesso posto, gli stessi numeri li aveva giocati anche il padre. A scoprire la vincita è stato il figlio, che ogni giorno controlla su internet le sue scommesse. «L’emozione più forte è stata la conferma della complicità unica del nostro rapporto». Ora entrambi hanno tempo 2 anni per scegliere la casa dei loro sogni, nel frattempo si ‘consolano’ con 200mila euro a testa.