Prestiti Online

Cosa sono i prestiti online

Molte persone chiedono prestiti agli istituti di credito per fronteggiare spese impreviste o problemi finanziari. Lo fanno per pagare le tasse, per arredare casa o acquistare un auto. Molti semplicemente, sono spinti dalla necessità di assestarsi finanziariamente.

Le vie per chiedere un prestito sono diverse, da quelle tradizionali a quelle via internet. Vediamo quindi cosa sono i prestiti online e come potete ottenere il denaro di cui avete bisogno, sfruttando il web!

Sempre più italiani oggi scelgono di sfruttare questo canale. L’osservatorio del Crif ha messo a confronto il 2016 e il 2015, notando che solo nel primo semestre la domanda è aumentata dell’8,4%.

A chi rivolgersi

Istituti di credito e di finanziamento ne esistono fin troppi. Il campo per la scelta può essere davvero vasto ma, chi vuole ottenere il miglior prestito online a quelle che sono per lui le migliori condizioni, deve documentarsi davvero tanto.

Internet per fortuna vi permette di ottenere veloci preventivi online. Non vi state in alcun modo vincolando. Semplicemente v’informate senza impegno e confrontate i prestiti, così da individuare quello più adatto a voi. Una volta che lo avete trovato, potete inviare la richiesta alla banca. Se avete i requisiti, tempo 24 ore otterrete una risposta favorevole.

I parametri che dovete valutare

Importantissimi da conoscere, avere dei parametri di valutazione vi permette di scegliere il miglior prestito online per voi. Analizzate subito:

  • Qual è il sistema di rateizzazione utilizzato, in quante volte potete rimborsare l’istituto;
  • Qual è la durata del finanziamento;
  • Quali sono le condizioni di rimborso;
  • Valutate molto bene il tasso d’interesse. Familiarizzate con i termini TAN e TANG perché al momento della valutazione sono fondamentali;
  • Individuate le spese accessorie se presenti. Ci sono costi per le comunicazioni? Come funziona il discorso del bollo? Dovete sostenere delle spese quando arriva il momento di aprire e chiudere la pratica? E’ bene saperle in anticipo queste cose, giusto per non avere brutte sorprese! Molte persone le ignorano perché le ritengono d’importanza secondaria;
  • Chidete anche se c’è un’assicurazione obbligatoria perché spesso ha una spesa molto elevata. Le finanziarie guadagnano molto in questo modo. Chiedete prima qual è il costo dell’assicurazione;
  • Informatevi su cosa accede qualora ritardate con i pagamenti. Anche se partite con l’intenzione di pagare puntuali, può sempre capitare di ritardare qualche giorno, alcune volte neanche per causa vostra;
  • Di rimando al punto prima, assicuratevi di pagare con il rid la vostra rata e non attraverso bollettino postale. Alcune finanziarie infatti, lo mandano vicino alla scadenza in modo che vi troviate a pagare quasi sicuramente in ritardo;

Torniamo a parlare un attimo del TAEG. Questo comprende anche le spese accessorie. Indica nel complesso il costo del prestito. Alcune categorie di prestiti, il limite è superiore al 20%. Alcune volte il TAN è basso e viene così sponsorizzato il prestito come vantaggioso ma, non è raro che dietro vi sia un TAEG al limite.

Il TAN, viene espresso in percentuale su base annua. E’ applicato al capitale finanziato. Pesa sulla rata mensile di rimborso.

Requisiti per ottenere un prestito

I requisiti cambiano anche in base al tipo di prestito. Una cessione del quinto richiede garanzie diverse rispetto ad uno finalizzato o uno personale. Solitamente comunque, i requisiti richiesti dagli istituti di credito sono un’età minima di 18 anni e una massima di 70 anni. Alcune banche comunque, concedono prestiti anche a persone con età superiore. Chiaramente dovete poter dimostrare di pagare le rate, con un reddito dimostrabile e sufficiente (la rata deve essere di circa il 30% il reddito mensile complessivo). Dovete essere residenti in Italia e possedere un conto corrente bancario.

Tuttavia questi requisiti possono non essere sufficienti. La concessione del prestito avviene in base ad alcune politiche di rischio interne alla banca. Dovete essere ritenuti soggetti affidabili. Il loro scopo è quello di ridurre il più possibile le insolvenze.

Se in passato siete stati etichettati come cattivi pagatori o comunque l’istituto di credito non vi ritiene meritevoli del prestito secondo il loro standard, allora potreste richiedere il vostro prestito attraverso la cessione del quinto. Ricordatevi però che i tassi di rimborso sono più elevati.

Infine la banca può richiedere un coobbligato,cioè un soggetto che in caso d’insolvenza, si prende la responsabilità di restituire il credito.

A chi potete rivolgervi?

Per ottenere un prestito potete rivolgervi alle banche e gli intermediari finanziari. Potete farlo tranquillamente online. Il credito può essere concesso sotto forma di carta di credito, cioè uno strumento da usare per acquistare oggetti e beni anche quando non vi è disponibilità economica da parte vostra. Dovrete poi rimborsare il denaro o a rate oppure in una sola soluzione dopo un mese.

C’è il prestito finalizzato, quello legato al bene acquistato. Potete richiederlo dove acquistate l’oggetto. Come quando ad esempio intendete acquistare un nuovo frigorifero a rate. C’è il prestito personale, quello più diffuso. Voi chiedete una somma alla banca e dovrete ridarla a rate con il tasso d’interesse. Questi soldi non sono subordinati all’acquisto di un oggetto e potete richiederli per far quello che desiderate.

Per concludere c’è la cessione del quinto. Le rate di rimborso vengono trattenute dalla busta paga, fino ad un massimo di 1/5.

Qual è la somma massima

Molto varia dal tipo di finanziamento. Il prestito personale va da un minimo di 200 euro a un massimo di 60.000 euro (a grandi linee). Il rimborso può essere fatto tra i 6 e i 180 mesi.

Tutto online

Potete richiedere i preventivi online e sempre attraverso internet passare all’azione. Quando la banca accetta e vi da il prestito, richiede solo un documento d’identità valido. Serve l’ultima bolletta di una fornitura della vostra casa (va bene anche intestata ad un’altra persona), il documento di reddito (ultimo modello unico per il professionista, ultime due buste paga per il dipendente e ultimi due cedolini per il pensionato). Ci vuole anche la fotocopia del Codice Fiscale. I documenti possono essere inviati sia come fotocopia, sia come documento PDF. Nel giro di qualche giorno potete così avere il vostro prestito!