isee

Isee, la delega sul conto corrente va dichiarata oppure no?

by / maggio 22, 2017

conto widiba

La delega bancaria, cioè la delega ad operare su un conto corrente di qualcun altro, non comporta affatto la comproprietà del conto. Ciò significa che la cosa non va dichiarata ai fini Isee. E’ quanto ha stabilito l’Inps tramite la sezione Faq (domande frequenti) presente nel suo sito ufficiale: l’istituto di previdenza ha chiarito una volta per tutte che essere cointestatari di un rapporto bancario non vuol dire avere l’autorizzazione ad operare su un conto che in fin dei conti non è proprio.

Il riferimento, all’interno della dichiarazione Isee, del patrimonio mobiliare, ha fatto sorgere molte problematiche e molti dubbi, inerenti soprattutto i rapporti finanziari. Anche perché sono ormai innumerevoli le tipologie di rapporto esistenti (dalle carte prepagate ai buoni fruttiferi, fino alle azioni e ai depositi vincolati). E sono numerose anche le variazioni patrimoniali che possono emergere anche in periodi di tempo piuttosto circoscritti.

hellobank

Cointestazione e delega di un conto: cosa cambia per l’Isee?

Alla luce di ciò, se un conto corrente risulta cointestato, a nome di qualsivoglia componente del nucleo familiare, questo va comunque indicato nella dichiarazione Isee: il conto corrente è infatti una componente del patrimonio mobiliare, anche se il saldo o la giacenza media non vanno riportati per intero, ma solo in modo proporzionale alla quota in proprio possesso. Un esempio? Se Tizio e Caio sono cointestatari di un dato conto corrente e Tizio ha bisogno di compilare la dichiarazione Isee, Tizio dovrà far presente il possesso del 50% della componente di patrimonio mobiliare in suo possesso.

Nel caso di delega alla firma le cose però cambiano. La delega infatti rappresenta un’autorizzazione, rilasciata dal titolare del conto, con cui il soggetto delegato, pur non risultando cointestatario, può effettuare operazioni in nome e per conto del titolare. Indipendentemente dal tipo di delega rilasciata (se a termine o a tempo indeterminato, se valida su tutto o solo su alcune operazioni), rimane il fatto che il cointestatario non deve dichiarare nell’Isee il conto sul quale ha ricevuto la delega.